A proposito di giornali-maiali:quello che non abbiamo capito

Grillo gioca sulla contiguità fra giornalismo e potere, ed esagera. Ma in Rai cos'è successo? dI ARIANNA CICCONE*

 


Che succede? Succede che un meteorite si è abbattuto su giornali, partiti, democrazia. E noi abbiamo sentito solo un rumore di fondo.

La mia sensazione è che ci siamo arrivati impreparati: il 25% del Movimento 5 Stelle non nasce ora, eppure in tutti questi mesi, in tutti questi anni ci siamo raccontati un Paese che non c'era. Non abbiamo avuto l'umiltà e gli strumenti per capire e ancora oggi insistiamo: testardi, arroganti, presuntuosi e forse anche un po' disorientati, o semplicemente superficiali. Il giorno dopo i risultati elettorali, l'unico commento che mi sono sentita di fare su twitter è stato questo: "è disruption della politica e del giornalismo".

La spallata data dal Movimento 5 Stelle (che è sì Grillo/Casaleggio, ma non solo) non riguarda esclusivamente i partiti ma anche i giornali, come fino a oggi li abbiamo intesi, fatti, vissuti. Giornali e trasmissioni tv che ci hanno raccontato un paese, forse assecondando il loro desiderio di realtà, che semplicemente non esiste: la vittoria scontata di Bersani (un centrosinistra dato addirittura al 37%) e l'alleanza con Monti (WOW!). Sembrava fatto, deciso. Ed è arrivato lo tsunami.

Oggi questi stessi giornali cercano di raccontarci Grillo

(definito da molti politici ma anche da diversi giornalisti 'fascista', 'populista' ecc. ecc.) e c'è chi si sforza di capire, mentre altri non sentono nemmeno l'esigenza di sforzarsi, perché Grillo (c'è anche un elettorato, eh...) fa parte di un altro mondo, quindi al limite basta un'infografica sul cappuccio.

Vedo giornalisti inseguire sulla spiaggia uno che corre incappucciato, chiedendo: "darà la fiducia al governo?" Pochi giorni prima dello tsunami elettorale ho letto Michele Serra - ci sono cresciuta con i suoi articoli - sostenere convintissimo che Grillo, non rispondendo ai giornalisti e non andando in tv, avrebbe perso voti. Come è possibile che giornalisti di questo spessore (ho letto anche un Ilvo Diamanti che poi ha ammesso di non aver capito) non abbiano capito cosa stesse succedendo? Non rispondere al giornalista accredita ancora di più Grillo e il Movimento agli occhi di un elettorato che vede questi giornali, i giornalisti in generale, come parte del problema. Se siamo arrivati dove siamo arrivati (recessione, debito pubblico record, disoccupazione a livelli mai visti) è ovvio che l'opinione pubblica includa "i cani da guardia del potere" nella critica al potere (cioè la casta!). Da qui la popolarità del "via i contributi pubblici all'editoria". I media mainstream hanno perso autorevolezza ed autorità (insieme ai grandi e piccoli partiti).

Sul blog di Grillo - che distingue tra giornalismo politico e locale - si reitera il frame "giornalisti=casta, politici=casta". E il frame si infila dentro una crepa, una nostra debolezza: non nasce dal nulla. Gioca su un aspetto reale della contiguità del giornalismo al potere, in ogni caso percepito come tale. Pensiamo alla lottizzazione della Rai: possiamo davvero dire che è solo responsabilità della politica?

E quindi? E quindi, arrendiamoci. Se ancora oggi tentiamo di forzare la realtà ai nostri desideri, se quello che non ci piace o non lo raccontiamo o lo raccontiamo male (creando mondi/bolle di sopravvalutazione), allora siamo inutili.

Davvero si può fare appello ai ragazzi 5stelle: apritevi ai giornalisti? No, credo di no. Se non si fidano, dovremmo porci e poi rispondere a una semplice domanda: "Perché?" E invece la reazione è: scandalo, non rispondono ai giornalisti, cacciano i giornalisti! E via titoloni di apertura su tutti i siti online (esattamente come previsto da frame, purtroppo).

A parte che non ci sarebbe nemmeno la notizia, visto che è dal V-Day2 del 2008 che ci mandano a fare in culo (purtroppo). Ma poi non lo hanno fatto o non lo fanno anche altri? L'ultimo episodio è firmato Rosy Bindi con il giornalista Antonino Monteleone.

La mia posizione di fronte a questo è: partiamo da noi, non da loro. Anzi dovremmo sforzarci di uscire da questa contrapposizione noi/loro. Cerchiamo di capire come sia possibile che siamo arrivati così impreparati davanti a questo 'meteorite'. Attrezziamoci, studiamo, facciamo un bagno di umiltà.

Tra l'altro non so se è chiaro: la presa in giro, la derisione dei parlamentari che si presentano in una loro riunione da parte di molti giornalisti alimenta la distanza e la diffidenza. Non sono opinioni personali, ricadono inevitabilmente sulla credibilità e sull'autorevolezza della testata e dei cronisti, che tutti insieme su Twitter sono anche il giornale per cui scrivono. In questi giorni secondo me non abbiamo dato proprio un bell'esempio. Capisco la tentazione della battuta; la capisco benissimo. Ma a volte un tweet in meno è cosa saggia. Non ho mai visto i giornalisti così compatti (trasversalmente) come contro Grillo/attivisti5stelle. Anche qui torna la semplice domanda: "Perché?". A questo aggiungiamo la nostra inadeguatezza, se scriviamo che "non serve cacciare i parlamentari dal blog"; se solo oggi scriviamo dei Meetup (attivi dal 2005) il problema è nostro, e lo è anche quando oggi è una notizia che Grillo non è social.

Leggevo la scorsa settimana una bellissima analisi di Barbara Spinelli e mi chiedevo: perché è stata pubblicata ora? Andava pubblicata due mesi fa, almeno.

Siamo in ritardo, ci siamo arrivati tardi e male. Mi dicono: e quindi ora che si fa? Intanto la prima fase è prenderne coscienza, esserne consapevoli e non arroccarsi. 'È come con la Lega'. No, non è come la Lega, è peggio: oggi viviamo un contesto di discredito dei giornali che peggiora ulteriormente il quadro, rendendolo più complesso e difficile da affrontare.

Noi giornalisti oggi possiamo fare solo un altro grande errore: ostinarci a voler dettare la linea, quando serve solo fare buon giornalismo al servizio del lettore. C'è chi sostiene Grillo ai limite dell'house organ, chi spinge per l'accordo Pd-Grillo, chi per il Governissimo. E intanto perdiamo di vista la nostra funzione: cercare di capire la realtà che ci circonda, raccontare la realtà sforzandoci di capire e far capire. Ripeto: non forzando la realtà adattando il nostro racconto ai nostri desideri, perché quello che vediamo non ci piace (esempio: Non posso 'pompare' la petizione di Viola "Sostieni Bersani" con la speranza che Grillo capitoli. Prendendo così anche una cantonata giornalistica. Base di Grillo? I grillini contro il comico? Ma di che stiamo parlando?). Questo porta solo ulteriore discredito e allontanamento dei cittadini/lettori che continueranno magari a leggerci, ma solo per avere la conferma che siamo inutili. {C}

(07 marzo 2013)

FONTE LA REPUBBLICA: http://www.repubblica.it/politica/2013/03/07/news/a_proposito_di_giornali-maiali_2-54050734/

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 304 97%
no 11 3%

Voti totali: 315