Né Obama né il Congresso sembra desideroso di un voto su azione militare in Iraq

WASHINGTON - Mescolando con i democratici del Senato alla Casa Bianca all'inizio di questa estate, il presidente Obama ha avuto un ritorno dove gli viene suggerito che dovrebbe cercare un voto del Congresso prima di approfondire il coinvolgimento militare americano in Iraq.

"Ragazzi, non si può avere entrambe le cose qui", ha detto Obama il gruppo, secondo il senatore Tim Kaine della Virginia. "Non si può essere schivare e schivare e nascondersi sotto il tavolo quando arriva il momento di votare, e poi lamentarsi del presidente per l'autorizzazione".

I commenti del presidente sono state tinte di umorismo, il signor Kaine ha detto, ma che riflette una grave realtà che i funzionari dell'amministrazione dicono ha informato la decisione del presidente di non chiedere l'autorizzazione ad effettuare attacchi aerei contro i militanti in Iraq: La maggior parte dei legislatori hanno poco appetito per un tale voto .
Continua a leggere la storia principale


     Nonostante Rescue, attacchi aerei in Iraq continuerà, Obama SaysAUG. 14, 2014
     Sostegno bipartisan, Con Avvertenze, per Obama sull'Iraq AirstrikesAUG. 8, 2014

"Non si tratta di una presidenza imperiale. Si tratta di un Congresso che è riluttante a esprimere voti dure sulla US azione militare ", ha detto il signor Kaine, che ha spinto le osservazioni di Obama a causa di un articolo d'opinione che ha scritto per il Washington Post dichiarando che il presidente necessaria l'autorizzazione del Congresso per l'azione militare in Iraq .

Il senatore Bob Corker, repubblicano, ha chiesto una testimonianza al Congresso da parte dell'amministrazione. Credit Gabriella Demczuk / The New York Times

"Non dovremmo mettendo uomini americani e la vita delle donne a rischio se non siamo disposti a fare il lavoro politico di raggiungere un consenso che è necessario", ha detto Kaine in un'intervista.

Obama ha abbracciato a volte questo principio, ma raramente raccolto alcuna ricompensa politica per farlo. L'anno scorso, il presidente si allontanò bruscamente da l'intenzione di condurre attacchi contro la Siria e ha detto che voleva prima l'approvazione del Congresso. Congresso non ha agito su richiesta, e Obama non ha preso alcuna azione militare contro il governo del presidente Bashar al-Assad.

Dopo che autorizza una campagna aerea contro i militanti in Iraq, Obama non ha ancora chiedere o ricevere un voto in Congresso per ciò che ha descritto come una missione potenzialmente a lungo termine.

Il cambiamento di approccio è stato dettato in parte dalle circostanze: La situazione in Iraq, dove migliaia di membri delle minoranze religiose stavano affrontando macellazione o l'inedia e personale americano sono stati minacciati dalla rapida avanzata dei combattenti sunniti, era probabilmente più urgente di quella in Siria un anno fa. E il Congresso è nel bel mezzo di una pausa di cinque settimane di estate.
Continua a leggere la storia principale

Ma riflette anche un cambiamento significativo da Obama, che ha trascorso un notevole capitale politico lo scorso anno una campagna di lobbying per convincere i legislatori in entrambi i partiti per sostenere l'azione militare in Siria. Quella spinta dato supporto irrisorio, e Obama ha poca pazienza per ripetere l'episodio ora, tre mesi prima delle elezioni di medio termine del Congresso.

Funzionari della Casa Bianca dicono che Obama non ha bisogno di un tale voto, sostenendo che i suoi poteri costituzionali, come comandante in capo sono sufficienti a coprire la missione in corso.

"Il presidente ha l'autorità di prendere le recenti azioni intraprese in Iraq", ha detto Bernadette Meehan, un portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Ha notato che Obama ha fornito una relazione al Congresso in merito all'avvio di attacchi aerei della scorsa settimana, e teneva legislatori regolarmente informati sugli sforzi militari americani in Iraq.
Continua a leggere la storia principale

Oltre a ciò, alti funzionari dell'amministrazione di notare che i leader del Congresso, che si sono incontrati con il signor Obama sull'Iraq nel mese di giugno, hanno esplicitamente detto loro che il signor Obama non ha bisogno di andare al Congresso di autorizzare un'azione militare.

Rappresentante Nancy Pelosi della California, il leader della minoranza, il cui settimanale conference call con i democratici durante la pausa del Congresso sono stati dominati dalle discussioni dell'Iraq, ha detto Obama ha avuto ampia latitudine di agire senza il Congresso. Ha suggerito che i repubblicani desiderosi di criticare il presidente non sarebbe ansioso di votare.

"Vedremo dove i repubblicani saranno che hanno chiesto per questo, quello e l'altra cosa, se dovessero votare contro l'Iraq", ha detto la signora Pelosi a San Francisco la scorsa settimana. Ha detto che ha sostenuto la missione limitata Obama aveva descritto per fornire "assistenza umanitaria; proteggere gli americani; riconoscere che ISIL è una minaccia; nessuna stivali sul terreno ", usando un acronimo alternativo per lo Stato Islamico in Iraq e Siria. "E se si arriva a un punto in cui abbiamo bisogno di azione del Congresso, poi venire al Congresso."

Fino ad allora, ha detto, Obama "ha un grande potere di agire."

Anche un certo numero di repubblicani che Obama preme per una votazione voce l'azione militare in Siria l'anno scorso non chiedono un voto in questo caso - almeno non ancora.

Il senatore Bob Corker del Tennessee, l'anziano repubblicano commissione per gli affari esteri, che ha contribuito a redigere la delibera di autorizzare attacchi contro la Siria, non ha chiesto una misura simile per l'operazione in corso in Iraq. Ha detto che voleva funzionari dell'amministrazione a testimoniare nel corso di un'audizione quando il Congresso è tornato sulla loro strategia per gli attacchi aerei e quale autorità intendevano usare in loro esecuzione.

Rappresentante Howard McKeon, il repubblicano della California che è il presidente della Commissione Forze Armate, ha definito la decisione di Obama di effettuare attacchi aerei in Iraq signor McKeon ha aggiunto in una dichiarazione "appropriate, date le circostanze.": "Gli americani non sono preoccupati che il presidente invierà il militare in Iraq. Sono preoccupati per uno stato terrorista mortale che ci può colpire da Wall Street a Main Street. "

Un certo numero di legislatori di entrambe le parti fanno dire il presidente avrebbe bisogno di approvazione del Congresso per ogni più ampia campagna militare americana in Iraq. In una poco nota spostare una settimana prima di partire per la sua pausa estiva, la Camera ha votato in massa a favore di una risoluzione per sbarrare la presidente dal dispiegamento delle forze americane in un "ruolo di combattimento sostenuto" in Iraq senza specifica autorizzazione.

I funzionari dell'amministrazione preoccupati che il pubblico avrebbe visto il voto come un segno che Obama stava considerando un coinvolgimento militare più profonda. Così la Casa Bianca ha lavorato per abbinare la risoluzione Casa con l'abrogazione di una legge del 2002 che ha autorizzato la guerra in Iraq, in primo luogo.

"Tale abrogazione sarebbe andato molto più in là nel dare la fiducia la gente americana che le forze di terra non saranno inviati a combattere in Iraq," Susan E. Rice, consigliere per la sicurezza nazionale di Obama, ha scritto in una lettera al presidente della Camera, John A . Boehner dell'Ohio.
Continua a leggere la storia principale
Continua a leggere la storia principale

Ma la Casa dominato dai repubblicani ha respinto il footwork Casa Bianca - l'indicazione delle insidie ​​politiche di Obama in un dibattito congressuale su azione militare.

"E 'particolarmente difficile per questo presidente, perché è evidentemente riluttante a usare la forza militare", ha detto Lee H. Hamilton, un ex membro democratica Casa che dirige il Centro per Congressi presso l'Indiana University. "Tutti compreso il presidente riconosce che ISIS rappresenta una forza maligna nella regione, che rappresentano una minaccia per noi in una certa misura, ma il presidente non ha precisato per il Congresso o al pubblico solo ciò che siamo disposti a fare o non fare. "

Rappresentante Jim McGovern del Massachusetts, un pacifista democratico leader che ha sponsorizzato la risoluzione, ha detto che con più di 1.000 soldati americani in Iraq che svolgono una missione i cui obiettivi appaiono elastico, il voto era in ritardo.

"Se fossi il presidente, probabilmente sarei voglio Congresso a scendere la mia schiena, ma c'è un valore a questo sistema che abbiamo qui di controlli ed equilibri e costringendo le persone ad articolare chiaramente ciò che questa missione è tutto", ha . McGovern ha detto. "Siamo coinvolti abbastanza profondamente che è ora opportuno avere Congresso o autorizzare la continuazione di questa missione o no."

Ma Peter D. Feaver, professore di scienze politiche e di politica pubblica presso la Duke University che ha servito in posizioni di sicurezza nazionale sotto i presidenti George W. Bush e Bill Clinton, ha detto Obama può aver imparato da sua decisione di chiedere un voto su azione militare in Siria, che era simile a "un parco giochi provocazione" per i repubblicani che avevano interrogato la sua politica. "La verità è che il Congresso non piace essere esposti in quel modo," il professor Feaver detto.

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 313 96%
no 12 4%

Voti totali: 325