MORIRE DI CHIACCHIERE

di Aladino Lorin 

Mentre il commercialista chiama per l’ennesima scadenza con nuove tasse da pagare, il direttore di banca ti ha appena confermato che il fido è stato ridotto del 30% ed un paio di RIBA sono tornate impagate, UNIMPRESA in Facebook comunica che a livello generale il credito a PMI e famiglie è calato di altri 7 miliardi in un anno. In aggiunta le sofferenze a luglio 2014 hanno raggiunto quota 172,3 miliardi con 32 miliardi in più in un anno. Metà imprese non riescono a pagare le rate dei propri prestiti per un importo di altri 32 miliardi.

 Renzi ha un bel dire con il suo “state sereni”!
Noi edili quando “stavamo sereni” sapevamo che i possibili clienti cui vendere l’appartamento o la mezza bifamiliare potevano contare su mutui del 100% del prezzo di vendita. Ora il cliente che si rivolge alla banca può contare sul 50-60% del prezzo e la bancabilità dei compratori viene decisa con parametri (vedi reddito spendibile) molto più restrittivi. Tradotto se vogliamo fare ripartire il mercato, il governo deve lasciare nelle tasche dei lavoratori e delle imprese più soldi e la strada è una sola: RIDURRE LE TASSE. Bisogna rimettere in circolo più soldi riportando il credito a famiglie ed imprese ai livelli pre crisi.   E’ ovvio che va tagliata di brutto la spesa pubblica, che ci vuole più flessibilità sul lavoro, bisogna abbattere la burocrazia, lo Stato deve pagare i propri fornitori come negli altri paesi europei, ecc. , ma la svolta, se di svolta si vuole parlare, si fa abbassando drasticamente le tasse e ridando credito/liquidità a famiglie e imprese.
     Per abbassare le tasse bisogna ridurre la spesa pubblica. Per non parlare per niente Renzi dovrebbe dire: “ abbassiamo le tasse per 100 miliardi di euro e riduciamo in egual misura la spesa statale” e dovrebbe indicare dove.
     Su 800 miliardi di euro di spesa pubblica, 100 miliardi sono il 12,5%. Il governo dovrebbe fare un’operazione equivalente ad una famiglia con due stipendi di 1500 euro mensili che su 39.000 euro complessivi deve tagliare 4.700 euro. Vorrebbe dire che quella famiglia deve risparmiare 361 euro al mese.
    I tagli sono indigesti ma il 12% è una percentuale che non ha niente di trascendentale, si può fare in un solo botto.
     Sul credito a famiglie ed imprese il governo organizzi una tracci abilità dei flussi dalla BCE alle banche e da queste ai fruitori finali e si accerti che non ci siano incagli di sorta e nel giro di uno due mesi la liquidità sia sul mercato (nei conti correnti).
 
     Il resto sono chiacchiere e l’Italia non può morire di chiacchiere.

fonte:aladinolorin.blogspot.it/2014/09/morire-di-chiacchiere.html?spref=fb

inserito da domenico marigliano blogger

 

Guest blogging Italia

articolo letto

totale visite sito web prima pagina 

conta tempo connessione internet

 

 

 

 

contatore

totale click accessi sito web la voce del web

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 313 96%
no 12 4%

Voti totali: 325