L'Italia può sopravvivere alla morte di metà delle sue piccole imprese di Aladino Lorin

Nel mondo delle PMI italiane regna incertezza e la domanda più diffusa tra gli imprenditori è: "vale ancora la pena di fare sacrifici, mettendo i risparmi di una vita in azienda, per mantenere aperta l'impresa?"Aladino Lorin
Molti titolari di azienda di mia conoscenza sono sfiduciati dall'indifferenza delle istituzioni nei confronti di chi con sacrificio cerca di continuare a creare ricchezza, e alla fatidica domanda molti rispondono sconsolati "ma chi me lo fa fare". Lo Stato continua indifferentemente la sua azione di distruzione del nostro tessuto produttivo e lo fa nel modo più meschino, vessando il mondo dei produttivi con nuove tasse cervellotiche e inique.
Da una ricerca di Confindustria, negli ultimi cinque anni, il 25% delle imprese ha chiuso e un altro 25% è in procinto di farlo. 
Nell'arco di tempo di un lustro, metà delle PMI italiane praticamente rischia di sparire per sempre e il trend non sembra arrestarsi.
La cosa anomala è che per un paese industrializzato questa situazione dovrebbe rappresentare una tragedia, un lusso che non ci si può permettere e quindi i governi dovrebbero reagire con l'emanazione di norme atte ad arrestare e invertire tale processo.
Da noi invece non succede! Avviene fatto esattamente l'opposto.
Senza PMI ed Imprenditori la crescita sarà un miraggio, perchè non c'è crescita senza impresa!
    Secondo l’OCSE, il crollo dei profitti nelle PMI dovuto alla crisi,  abbinato alla riduzione del credito da parte del settore bancario stanno diventando ostacoli seri per l’innovazione e l’occupazione.
     Sempre secondo l’OCSE per le PMI sono peggiorate le condizioni di accesso al credito rispetto alle grandi imprese: i tassi di interesse sono più alti, le scadenze più brevi, le garanzie richieste maggiori.
     Le banche, in altre parole fanno sempre meno le banche rifiutando qualsiasi tipo di rischio. Se a questo aggiungiamo i ritardi nei pagamenti e l’aumento crescente delle insolvenze si trova una spiegazione dell’aumento dei fallimenti delle PMI che in tutta l’Europa meridionale sono aumentati del 30-40%.SoS Economia Italia
     In questo contesto di crescenti difficoltà assumono sempre maggiore importanza i CONFIDI soprattutto nell’Europa meridionale dove il 90% circa del finanziamento delle imprese è esclusivamente bancario.
     Oggi i consorzi di garanzia fidi assicurano in Italia il 10% del credito alle PMI. Di questo 10%, circa l’80% riguarda i Confidi 107 ossia quelli soggetti al controllo della Banca d’Italia.     Cosa rappresentano oggi i Confidi:
Sono 489 di cui 60 sono Confidi 107 e rappresentano 1.200.000 imprese associate. Garantiscono finanziamenti bancari per 43 miliardi di cui 20 sono garanzie in essere. Dispongono di una patrimonializzazione di 2,3 miliardi di euro.
RIASSUMENDO-       La crisi c'è e si sente
-       Sono peggiorate le condizioni di accesso al credito che è diminuito in termini percentuali
-       I Confidi garantiscono crediti al 1.200.000 imprese assistite per 43 miliardi di euro
-       Senza fiducia nelle PMI la crescita non ci sarà.
 
     L'OCSE di fatto fa una fotografia della situazione ma non dice il perché si è giunti a questo punto e soprattutto non dice come si supera questa situazione. Noi ci limitiamo a sottolineare che non si affronta il nodo cruciale: senza la modifica delle norme sull'accesso al credito metà delle piccole imprese è condannata a morte. L'Italia può sopravvivere alla morte di metà delle sue piccole imprese?

di Aladino Lorin
aladinolorin.blogspot.it/2014/07/litalia-puo-sopravvivere-alla-morte-di.html?spref=fb 


 

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 313 96%
no 12 4%

Voti totali: 325