IL PROGRAMMA NUCLEARE LIBICO

Centro di ricerca nucleare a Tajura, Libia
Nonostante le recenti dichiarazioni del premier libico Mahmoud Jibril, al termine del suo mandato
governativo, circa la scoperta di un arsenale nucleare, nella realtà, il 19 dicembre 2003 il Paese nordafricano aveva
ufficialmente sospeso il suo programma nucleare ( e delle armi di distruzione di massa), che comunque era ancora ad
uno stadio alquanto embrionale .
La dichiarazione ufficiale era stata preceduta da mesi di trattative segrete con gli USA e l’Inghilterra .
La decisione di Gheddafi era stata favorita da due eventi particolari : l’attacco militare contro Saddam Hussein,
accusato di avere in atto la fabbricazione di armi di distruzione di massa, e l’arrivo a Tripoli di un container , svuotato
nel corso di un transhipment su un porto italiano, che altrimenti doveva contenere materiale utile a costruire
centrifughe.
Il leader libico aveva capito che era quindi sotto controllo e che rischiava di essere nel prossimo futuro oggetto di
interventi militari internazionali. L’accordo per la sospensione del programma era però anche collegato ad una
disponibilità americana a maggiori cooperazioni bilaterali nel campo della sicurezza, militare ed economico. Nella
pratica la Libia si aspettava una compensazione per questa sua concessione .
Comunque l’idea di procurarsi l’arma atomica era un obiettivo coltivato da Gheddafi fin dai primi anni della rivoluzione
ed il programma , con alterne fortune andava avanti da anni. La sua ambizione era quella di potersi dotare come
Israele di un’arma atomica , a difesa degli interessi dei popoli arabi e/o per la sua personale egemonia . La cosidetta
arma nucleare islamica.
Gheddafi , subito dopo la rivoluzione del 1969, aveva inizialmente cercato – peraltro senza successo - l’assistenza
cinese per produrre e/o acquistare un arma atomica ma nel 1975 aveva riaffermato , almeno ufficialmente, l’adesione
del Paese al Trattato di non Proliferazione Nucleare già sottoscritto dalla monarchia senussita nel 1968. Comunque nel
1974 era stato sottoscritto un accordo con l’Argentina di cooperazione nucleare.
 
Era stata quindi costruita una struttura in Tajura nel 1981 con l’aiuto dell’allora Unione Sovietica ma ,sempre
ufficialmente lo scopo era quello di dotarsi di una centrale per lo sfruttamento dell’energia nucleare a fine pacifici.
Studenti libici erano stati mandati in giro per il mondo a studiare le applicazioni nel settore ( anche negli USA almeno
fino al 1983 quandol’amministrazione americana pose un divieto nel emrito) . Erano stati importati quantitativi di
uranio (l’Aiea , in un suo dossier parla di forniture nel 1985, 2000 e 2001), ci furono ammissioni di Abdul Qader Khan ,
padre del programma nucleare pakistano, di una assistenza tecnica a Tripoli ( i contatti con il Pakistan erano in essere
fin dal 1977), si era più volte fatto cenno ad un coinvolgimento della Corea del Nord e di specialisti tedeschi. Secondo
stime dei Servizi occidentali , la Libia aveva speso nel tempo , per questo programma una cifra intorno ai 200 mil/§.
Ma nel contempo non aveva fatto grandi progressi per carenza di quadri, strutture, tecnologia.
Ma nel 2003 , a seguito della decisione della sospensione del programma nucleare, la Libia decideva di consegnare
all’Aiea gli equipaggiamenti che possedeva , Le centrifughe ed altri equipaggiamenti specifici furono portate negli USA
attraverso un ponte aereo il 27 gennaio 2004 e subito dopo furono autorizzate visite di ispettori internazionali a Tajura.
IL 10 marzo 2004 le autorità di Tripoli firmavano , proprio a questo proposito, con l’Aiea allora guidata dall’egiziano Al
Baradei ,un ulteriore Protocollo. Rimaneva comunque da risolvere il problema del materiale fissile (uranio arricchito)
che doveva essere comunque trasferito altrove per la sua protezione .
Questo ultimo passaggio è rimasto per altri anni sempre senza soluzione. La Libia continuava a richiedere una
compensazione per il suo gesto correlandolo inoltre al fatto che nel 2003 i materiali consegnati all’Aiea avevano un
valore venale di circa 100 mil/§ e che comunque la sospensione del programma nucleare non era stato adeguatamente
controbilanciato da altrettante iniziative politiche o pratiche da parte american come peraltro promesso . Sotto il profilo
politico Gheddafi voleva che gli USA rendessero pubblico elogio della disponibilità libica a non equipaggiarsi di un’arma
nucleare (Seif al Islam aveva chiesto di rendere operante un incontro diretto nel 2009 , nel corso dell’inaugurazione
dell’Assemblea Generale dell’ONU a New York, tra Gheddafi e Obama) . Sul piano prettamente economico , Tripoli
pretendeva forniture di armi, la costruzione di un centro di medicina nucleare, un alleggerimento delle sanzioni
commerciali ancora in atto contro il proprio Paese.
Questo contenzioso si è protratto fino al 2009 dove le rivendicazioni libiche , peraltro non soddisfatte, sono state
controbilanciate da un rifiuto a consegnare l’uranio arricchito.
Nel novembre del 2009 appariva comunque prossima la soluzione. Il materiale radioattivo (circa 5,2kg) veniva
alloggiato in 75 contenitori poi sigillati da tecnici dell’Aiea , pronto per essere caricato su un aereo cargo e portato in
Russia . All’ultimo momento le autorità libiche rifiutarono il trasporto. Ulteriori discussioni , minacce e negoziati
condotti personalmente da Seif al Islam per conto del padre, portarono alla soluzione finale : il 21 dicembre i
contenitori furono caricati sul cargo e poi spediti in Russia. Giorni dopo , il Segretario di Stato USA , Clinton , faceva
una telefonata al Ministro degli esteri Musa Kusa per ringraziarlo e per sottolineare il migliorato andamento dei rapporti
bilaterali.
Da allora il problema del nucleare in Libia non ha avuto più riscontri. La struttura di Tajura , per chi l’ha visitata in
questi ultimi anni è rimasta in completo abbandono. L’organismo che presiedeva allo specifico progetto - il “Tajura
Nuclear Research Center” – ha poi cambiato denominazione diventando , sotto copertura il “Renewable Energy and
Water Desalination PlantCenter”. Questo organismo è comunque rimasto- fino agli ultimi eventi bellici - sotto la
supervisione del personaggio che precedentemente curava il progetto atomico e cioè il Ministro per il lavoro e lo
sviluppo Matoug Mohamed Matoug. Ed è molto probabile che la ragione sociale fosse , seppur in forma diversa, la
stessa E’ stato poi creato un altro ente , il “ National Bureau for Research and Development” , forse come organismo
di facciata per finalità scientifiche non necessariamente dedicato al settore nucleare.
Comunque , dal 2003 in poi, le autorità libiche hanno continuato ad interessarsi all’utilizzo dell’energia nucleare,
nominalmente per l’utilizzo a fini pacifici ma probabilmente anche con lo scopo mai dichiarato di acquisire , tramite i
propri tecnici, un certo know how nel settore.
I contatti con molti Paesi nello specifico settore , si sono susseguiti negli anni:
– I francesi , nel marzo del 2006 , avevano sottoscritto con la Libia una accordo per lo sviluppo e l’uso pacifico
dell’energia nucleare. Firmatario , da parte francese era stato il direttore della Commissione per l’energia
atomica Alain BugatVi erano stati già contatti l’anno precedente e visite tecniche in Tripoli anche per un
progetto relativo ad un impianto di desalinizzazione per la riconversione della struttura di Tajura . Altri
contatti ed accordi erano poi stati messi in opera dalla società AREVA , la stessa che gestisce in Niger i
giacimenti di uranio per lo sfruttamento e la ricerca di uranio sul suolo libico. Di nucleare pacifico si parlerà
poi anche durante la visita ufficiale di Gheddafi a Parigi nel dicembre del 2007.
– Nel marzo 2007 invece viene pubblicizzato , da parte libica un accordo diretto con gli USA sempre per l’uso
pacifico dell’energia nucleare con una serie di cooperazioni specifiche ( qualificazione e addestramento di
studenti nello specifico settore, creazione di un centro di medicina nucleare, cooperazione bilaterale tra enti
scientifici, utilizzo del nucleare per lo sviluppo dell’energia e l’impiego in medicina, agricoltura, industria,
etc,). Gli USA smentiscono la notizia nella persona del portavoce del Dipartimento di Stato , Tom Casey forse
per gli imbarazzanti risvolti politici che l’iniziativa poteva avere sul piano interno.
– Nel 2008 si fanno avanti Russia e Ucraina per proporre la costruzione di un reattore nucleare per fini civili.
Kiev propone la sua collaborazione nell’ambito di un sistema barter : cooperazione in cambio di petrolio ,
appalti per costruzione di infrastrutture, commercializzazione di prodotti agricoli. Entrambe le iniziative
rimarranno però a livello lettera di intenti.
Ritornando alle dichiarazioni pubbliche di Mahmoud Jibril ed alla scoperta di un arsenale nucleare in mano a Gheddafi ,
esistono forti perplessità che si tratti di effettivo materiale nucleare e non , come molto probabile, di depositi di
aggressivi chimici che comunque il dittatore libico possedeva nonostante la dichiarata disponibilità, nel 2003 a
disfarsene.
 
 

Inserito dal Blogger Domenico Marigliano

 
 
 
Guest blogging Italia

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 313 96%
no 12 4%

Voti totali: 325