DOSSIER JUNCKER / UOMO CAPACE DI TUTTO, ANCHE DI FAR FABBRICARE FALSE ACCUSE DI PEDOFILIA CONTRO CHI INDAGAVA SU DI LUI

Era il 10 luglio del 2013, non di 20 anni fa, quando l'Ansa mise in rete questa notizia. "Lussemburgo: Juncker travolto dallo scandalo dei Servizi segesi lussemburghesi dà le dimissioni. Il premier piu' 'longevo ' al mondo domani dal capo dello stato". 
 
Non la piazza finanziaria o il segreto bancario, e nemmeno la crisi dell'eurozona quando era ancora presidente dell'Eurogruppo. Il premier democraticamente eletto piu' 'longevo ' al mondo, il lussemburghese Jean-Claude Juncker alla guida del Granducato da 18 anni e membro del governo da 30, e' stato costretto questa sera ad annunciare le sue dimissioni per una storia da film di spionaggio di servizi segreti deviati, intercettazioni illegali e vecchie storie di terrorismo.
DOSSIER JUNCKER / UOMO CAPACE DI TUTTO, ANCHE DI FAR FABBRICARE FALSE ACCUSE DI PEDOFILIA CONTRO CHI INDAGAVA SU DI LUI
"Convoco per domani alle 10 una riunione del governo e dopo presentero' le dimissioni al granduca", ha detto al termine di sette ore di dibattito parlamentare, dopo che, oltre all'opposizione, anche i suoi alleati socialisti avevano presentato una mozione per chiedere lo scioglimento della camera dei deputati e elezioni anticipate entro tre mesi. '"Constato che una maggioranza della Camera vuole le elezioni anticipate", ha aggiunto, concludendo "Non ho altra scelta che presentare le dimissioni del governo".
 
La resa dei conti e' cominciata nell'aula del Parlamento, dove il ministro di stato (questa la dicitura ufficiale) si e' difeso con le unghie e con i denti, punto per punto, per ben due ore (lui ne aveva chieste quattro, ma i deputati non gliele hanno concesse) sul dossier, dopo diverse audizioni in autunno e gia' un voto di fiducia un mese fa, allora superato grazie all'appoggio dell'alleato di governo socialista che oggi invece e' venuto meno.
 
Il rapporto parlamentare presentato oggi inchioda Juncker in quanto formalmente a capo di un'intelligence che non ha controllato a dovere, dove emerge che quest'ultima avrebbe agito come una "struttura di polizia segreta", compiendo migliaia di intercettazioni illegali, organizzando missioni fuori dal suo mandato e addirittura facendo affari rivendendo berline di grossa cilindrata.
Juncker stesso, vittima di registrazioni (compiute in stile James Bond con orologi-registratori) da parte dell'allora capo dell'intelligence, una volta al corrente dei fatti non avrebbe pero' preso i provvedimenti giuridici conseguenti (perchè molto probabilmente era ricattato)  ed e' stato accusato anche di avere 'infiltrato ' il suo ex autista dentro lo Srel. Di mezzo anche accuse al Grand Duca Henri, che sarebbe stato in contatto con i servizi segreti britannici, e poi l'accusa più infamante, rivolta a Juncker: la costruzione di un falso dossier di pedofilia a carico del procuratore generale che voleva indagare sulla serie di attentati compiuti a meta' anni Ottanta.
 
Una storia nota come l'affare dei 'bombaroli ', i 'bommeleeer' in lussemburghese. A questo si aggiunge il malessere politico-economico degli ultimi tre anni, covato all'ombra dell'assenza del premier occupato con l'Eurogruppo a gestire la crisi dell' eurozona, durante cui l'ormai ex delfino e ministro delle finanze Luc Frieden ha stretto una serie di controversi accordi commerciali con il Qatar, tra cui quello su Cargolux, che ha portato il 'gioiello di famiglia' del Lussemburgo vicino al crollo.
 
"Riguardando agli ultimi 30 anni, direi che durante i primi dieci avrei dovuto essere piu' indulgente nei confronti degli altri, mentre gli ultimi tre avrei dovuto esserlo meno", ha ammesso Juncker recentemente. Ora, invece, non restano che le elezioni anticipate, probabilmente il 20 ottobre. Questo, scrisse l'Ansa. 
 
Agghiacciante. Il nuovo presidente della Commissione UE è un mefisto capace di tutto il peggio possibile, altro che solo un vecchio ubriacone.
 
max parisi
 

inserito dal blogger Domenico Marigliano

 
Guest blogging Italia

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 313 96%
no 12 4%

Voti totali: 325