Lettera aperta ai politici italiani . Aumentano i poveri che si rivolgono agli enti no profit per sopravvivere

Sono tre milioni e mezzo gli indigenti che sono aiutati da enti caritativi. Cosa intendete fare? Lettera aperta di cinque Enti no profit ai candidati e ai parlamentari italiani in Europa.

 

 

 

 

3,5 milioni di italiani si rivolgono a 15.000 strutture caritative per mangiare

 

Le persone povere che si rivolgono alle 15.000 strutture caritative in Italia sono sempre più numerose. Molte di queste strutture caritative segnalano difficoltà a proseguire la loro azione nel futuro.

 

Gli stessi segnali giungono anche dagli altri paesi europei, e non solo dalla Grecia.

 

 

In questo peridodo ho letto e riletto programmi di vari schieramenti dai piu' grandi ai piccoli e mi sono  allarmato perche' nelle proposte fatte da tutti non c'erano questi argomenti in altri c'erano ma  non venivano trattati con l’importanza che meritano, eppure sono più di 3.5 milioni gli italiani che ricevono aiuti alimentari per sopravvivere.

 

Per quanto sopra esposto a tutti gli eletti vorremmo chiedere:

 

di inserire nelle loro agende politiche questa grave emergenza, che rischia di trasformarsi da un problema sociale per molti a un problema di sicurezza per tutti.

 

 

Vorremmo chiedere:

 

che si facciano serie leggi per rimediare a tutto questo,ma notiamo che la priorita' degli eletti e' quella azzuffarsi ancora prima di iniziare i lavori, ma facendo cosi si aumenta questa piaga e si arrivera' a una cifra superiore di quella che riportiamo.

 

 

Vorremmo chiedere:

 

al futuro Parlamento e Governo di dare un immediato segnale di voler affrontare il problema, prevedendo nel 2014 una copertura finanziaria per il Fondo per la distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti previsto dal Decreto del Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, di concerto con il Ministro per la Cooperazione internazionale e l’integrazione, della stessa entità erogata 2013 per l’Italia dal programma di aiuti alimentari europeo (100 milioni di euro), come altri paesi europei stanno valutando di fare.

 

 

Vorremmo chiedere:

 

l’impegno, nei prossimi mesi, dei deputati italiani presso il Parlamento europeo di unirsi ai loro colleghi della maggior parte dei paesi aderenti, affinché propongano di innalzare il budget a 3.5 miliardi di euro per il nuovo Fondo di aiuti europei agli indigenti.

 

 

 

Da parte nostra vogliamo essere partner affidabili per collaborare con l’amministrazioni e le istituzioni pubbliche del nostro paese al fine di contribuire al bene comune del nostro paese.

 

 

perche' l’Italia non può  venir meno alla sua più che secolare tradizione di esempi di solidarietà e carità verso i più poveri?

 

Speriamo che questa nostra lettera venga presa in considerazione dai nuovi parlamentari e che si riesca a risolvere queste situazioni gravi.

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 311 97%
no 11 3%

Voti totali: 322