A, B, C, D: Anthropogenic, Bluebeam, Chemtrails, Depopolazione

''La mente scientifica non e' tanto quella che fornisce le risposte giuste, quanto quella che pone le domande giuste.''
Claude Lévi-Strauss

 

Oscar Wilde sosteneva che ''perfino le verita' possono essere dimostrate'', cosi', con il passare del tempo, il passaggio all'osservazione ha coinvolto un numero sempre maggiore di persone che, potendo disporre di sempre piu' scientifici dossier sull'argomento, molti dei quali disponibili in rete grazie al lavoro svolto da numerosi ricercatori, ha iniziato a porsi la domanda immediatamente successiva a ''che cosa sono le scie chimiche?'', ovvero ''perche'?''.

Non e' la domanda, pero', ad insinuarsi nella mente dei ''Teorici del Complotto'' piu' ''paranoici'', quanto piuttosto le innumerevoli risposte che si possono trovare nei pochi media di informazione e ''controinformazione'' interessati a questa tematica.

Una tra le risposte piu' quotate, a dire il vero l'unica a trovare appoggio anche tra le fonti governative, individua nella lotta all'''Anthropogenic Global Warming'' un importante alleato. Secondo tale teoria, nel ''Savannah River National Laboratory'' di Alken, nel South Carolina, centro appartenente al ''Dipartimento dell'Energia'' (DOE), un gruppo di scienziati starebbe realizzando un progetto che consiste nel bombardare la stratosfera con un finissimo particolato di vetro, il ''porous-walled glass microsphere'' [9] che, una volta immesso nell'atmosfera, avrebbe come funzione quella di assorbire parte del Co2 e, soprattutto, riflettere i raggi solari, impedendo loro di giungere sulla Terra in eccesso. A guidare questo gruppo di scienziati sarebbe Paul Crutzen, Chimico olandese e Premio Nobel, nel 1995, grazie ai suoi studi ''sulla chimica dell'atmosfera, in particolare riguardo alla formazione e decomposizione dell'ozono'', che hanno portato, in pochi anni, alla scomparsa dei gas di raffreddamento dei frigoriferi (CFC), da quel momento banditi in tutto il mondo perche' colpevoli del ''buco nell'ozono'' [10].

Questa affascinante spiegazione sul perche' dell'utilizzo di aerosol, ha un solo elemento a suo sfavore: nel 2009, un gruppo di abili hacker, pubblicando scottanti e-mail sulle pagine del sito ''Wikileaks'', fa esplodere quello che verra' definito dalla stampa internazionale e dagli organi di informazione ''Climategate''.
Tale scandalo verte principalmente su tre aspetti; sembrerebbe, innanzitutto, che siano stati manipolati i dati relativi alle temperature globali per ottenere risultati equivalenti con la teoria dell'''Anthropogenic Global Warming'', che considera le attivita' umane la causa principale del riscaldamento del pianeta. In secondo luogo, dallo scambio di e-mail ''rubate'' da alcuni hacker, nel lasso di tempo che va dal 1996 al 2009, risulta che i principali esponenti del ''Centro per la ricerca climatica'' (Cru) dell'universita' dell'''East Anglia'' a Norwich, in Inghilterra, il principale centro di ricerca che alimenta i rapporti di base del ''Gruppo intergorvenativo sul mutamento climatico''(Intergovernmental Panel on Climate Change - Ipcc), realizzassero arbitrarie e dubbie manipolazioni dei dati climatici, rilevati dalle stazioni sparse sul pianeta, al fine di attribuire all'uomo un ruolo maggiore sui cambiamenti climatici rispetto a quello mostrato dai dati ufficiali. Il terzo aspetto e' stato, invece, il tentativo del Cru di aggirare le leggi esistenti in Gran Bretagna e negli Stati Uniti riguardanti la trasparenza e la ricerca scientifica sul clima [11].

E', forse, per questa serie di motivi che, con il passare degli anni, si fa largo, tra i media di informazione e ''controinformazione'', un'altra spiegazione al ''fenomeno'' delle scie chimiche, forse piu' convincente ma checuriosamente non trova la giusta risonanza nei mezzi di comunicazione piu' diffusi, ovvero quelli governativi.
La teoria in questione si puo' ritrovare, tra gli altri, nello scritto ''Aerosol and Electromagnetic Weapons in the Age of Nuclear War'', di Amy Worthington, giornalista che si occupa di argomenti di sanita' per l'''Idaho Observer'' e che ha studiato per lungo tempo le scie chimiche.
Amy Worthington, nel suo articolo, descrive minuziosamente l'''Operazione Cloverleaf'', un programma militare top-secret che implica modificazioni climatiche, comunicazioni militari, sviluppo di armi spaziali, ricerche sul buco dell'ozono e sul riscaldamento globale, piu' armi biologiche e analisi di rilevamento. Secondo la giornalista, lo spargimento di tonnellate di nubi cariche di particelle tramite aerosol, geo-modificherebbe la nostra atmosfera planetaria, convertendola in un plasma elettro-conduttivo altamente caricato utile ai progetti militari. L'aria che respiriamo è satura di fibre sintetiche del calibro dell'amianto e metalli tossici, compresi i sali di bario, l'alluminio, e a quel che si dice, il torio radioattivo. Tali sostanze funzionano da elettroliti per migliorare la conduttività dei radar militari e delle onde radio [12].

Nicholas Jones, giornalista della BBC, nel suo articolo ''Chemtrails, Peanut Butter and Barium Sandwichs.'', pubblicato per il sito di Jeff Renseb, attribuisce al progetto ''GWEN'' l'utilizzo di aerosol, con lo scopo di realizzare un sistema di trasmettitori distribuiti su tutto il territorio americano che, in caso di attacco nucleare, dovrebbero servire come generatori di energia d'emergenza.
Uno degli effetti ''collaterali'' del progetto ''GWEN'', secondo alcuni studiosi, fra cui il Dottor Andrija Puharich, consisterebbe in gravi disturbi dei bioritmi degli esseri che popolano la Terra nel momento in cui si venga a creare uno sfasamento delle onde magnetiche naturali del Pianeta, meglio note col nome di ''risonanza Schumann'' [13].

Chemtrails e il Dottor Stranamore

''A volte penso a quanto rapidamente le nostre divergenze scomparirebbero se dovessimo affrontare una minaccia aliena.''
Ronald Reagan

 

Una terza teoria riguardante la diffusione delle scie chimiche, che trova appoggio in un numero ancor piu' ristretto di media di informazione e ''controinformazione'', individua nella realizzazione del ''Nuovo Ordine Mondiale'' il suo obiettivo finale. Ormai da anni, infatti, i Governi starebbero indirizzando gli eventi con lo scopo di rafforzare in noi l'idea mondialista che, da secoli, pervade le menti di coloro che il Professor C. Wright Mills definisce ''élite al potere''. Un evento catastrofico ''naturale'', al pari di uno scontro di civilta' con esseri provenienti da un altro Pianeta o di un'apparizione mistica collettiva, potrebbe realizzare le condizioni favorevoli affinche' una schiera di ''eletti'', che ha dell'anima delle folle, da sempre, una conoscenza istintiva e che vede in esse ''materiale da plasmare'', possa prevalere sull'intero globo.
Questo e' uno dei motivi, forse il principale, che spinge a credere che i ''crop-circles'', i rapimenti, gli avvistamenti di UFO e quant'altro, siano, in realta', ''millabs'', operazioni militari ideate con lo scopo di incutere terrore nella popolazione, alimentandone sospetti e fantasie.

L'offensiva dei cosiddetti ''debunkers'' nei confronti dei ''Teorici del Complotto'', trova nel contrasto tra le due ''teorie'' il suo punto di forza. Come spesso accade quando si ha a che fare con i ''disinformatori'', infatti, si cerca di vedere ogni cosa sotto un unico punto di vista e si finisce per piombare in quello che viene definito dai linguisti''petitio principi'', ovvero un sofismo in base al quale, se la tesi o ''Teoria del Complotto'' Amodificazione climatica, e' in antitesi con la tesi o ''Teoria del Complotto'' Bcontrollo mentale, inevitabilmente ed erroneamente si arriva a concludere che solo una delle succitate teorie possa essere reale [14] e che, non sapendo quale delle due lo sia, esse finiscano con l'annullarsi a vicenda, realizzando la perfetta sintesi secondo la quale gli interessati alle scie chimiche finiscono per essere etichettati come ''paranoici''.

Le due ''teorie'', quella della manipolazione mentale e quella della manipolazione climatica, all'apparenza nettamente in contrasto l'una con l'altra, conducono, in realta', al medesimo fine. Il controllo delle menti, infatti, non si ottiene esclusivamente attraverso la coercizione e l'asservimento fisico degli individui, e' infatti sotto gli occhi di tutti come la paura, se gestita ad hoc, possa risultare egualmente utile, lo ''USA Patriot Act'' (Uniting and Strengthening America by Providing Appropriate Tools Required to Intercept and Obstruct Terrorism Act), ne e' un esempio lampante.

E' innegabile che, utilizzando una tecnologia in grado realizzare cataclismi e carestie o simulare invasioni aliene o apparizioni di ogni genere, si possa innescare un livello tale di paura che permetta ai Governi di avere, in ogni caso, il controllo delle menti e delle masse, un progetto tanto caro a Gustav Le Bon... Aldous Huxley...
 
Note e Fonti:
[1] ''Rapporto sulle scie chimiche'', di Giovanni Peccarisio, 24 gennaio 2007, tratto da www.disinformazione.it
[2] '' The Central Intelligence Agency and Human Radiation Experiments: An Analysis of the Findings'', Warner, Michael, ''Memorandum for the Record'', 14 Febbraio 1995, Central Intelligence Agency, 9
[3] Memorandum per: ''Members of the Advisory Committee'', Staff. Re: ''CIA Documents DescribiAerosol and Electromagnetic Weapons in the Age of Nuclear Warng Human Radiation Experiments'', 8 Febbraio 1995: Tab 1-3; op cit., Hamilton
[4] ''Tutto quello che sai e' falso 2 – Secondo manuale dei segreti e delle bugie'', ''La CIA e l'atomo - I programmi della CIA sulle armi radioattive e gli esperimenti sull'uomo'', di John Kelly, 410-426
[5] Audizione del Senatore Edward Kennedy sull'MKULTRA, 90
[6] Op cit., Warner:9.; Allen W. Dulles a Gordon Dean, Presidente della Atomic Energy Commission, 4 Ottobre 1951
[7] Da: Joseph G. Hamilton, M.D. A: Colonel K. C. Nichols. oggetto: armamenti radiologici, 31 Dicembre 1946
[8] Op cit., Warner; 4
[9] ''DOE testing idea to shoot particles into sky to fight global warming'', di Pete Winn, Crosswalk, 10 aprile 2008
[10] ''Scie chimiche, ma per il vostro bene...'', di Maurizio Blondet, tratto da www.effedieffe.com
[11] ''Wikileaks - il libro dei fatti che non dovevate sapere'', ''Climategate'', di Ludovica Amici, 121-139
[12] ''Aerosol e armi elettromagnetiche'', di John Kaminski, tratto da www.comedonchisciotte.org
[13] Tratto dal DVD ''Scie chimiche: qualcuno ha deciso di usare il cielo per esperimenti segreti'', di V. Gambino e D. Benvenuti
[14] ''Manuale di disinformazione - I media come arma impropria: metodi, tecniche, strumenti per la distruzione della realta''', di Bruno Ballardini, Edizione Castelvecchi, 24

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 313 96%
no 12 4%

Voti totali: 325