Crescita? Hai detto che la crescita?

All'inizio dell'anno o la morale è un po 'abbassato, i nostri leader stanno manovrando, trasmessa da megafono che sono diventati i media di "benpensanti".Crescita, la parola d'ordine dell '"Europa globale" sarà di nuovo. Non più indugi sulla crisi, la fine del tunnel è in vista, un futuro luminoso sta raggiungendo.Questa è la linea ufficiale.La realtà è, purtroppo, un po 'diversa. In primo luogo, come la crescita si misura? Gli economisti parlano di Prodotto Interno Lordo (PIL) di un paese o un'area. Il Pil rappresenta la ricchezza complessiva prodotta da questo paese in un determinato periodo (solitamente un anno). Questo risultato è quindi confrontato con quello ottenuto l'anno prima e questo rapporto rappresenta la percentuale di crescita annua. Si noti che si tratta di un importo complessivo, che non tiene conto di qualsiasi settore dell'economia.Quello che ci interessa, i borsisti, l'oscuro, il "no-grade" in breve, la gente "normale", è soprattutto se teniamo il nostro lavoro o saremo "trasferiti". Poi ci viene detto che è la crescita che crea posti di lavoro. E 'un po' corto. Vediamo nella prima domanda del perché i nostri posti di lavoro sono andati.A questo proposito, la risposta varia nel tempo. L'inizio della cosiddetta de-industrializzazione, o l'era post-industriale (è più chic) inizia negli anni '70, ha visto i trasferimenti industriali dei paesi ricchi per rendere alcuni paesi poveri di trarre vantaggio bassi salari in questi paesi.Data la preoccupazione espressa da alcuni pessimisti cronici che si chiedevano fino a che punto poteva andare, la risposta è stata immediata e chiara:"Cambiamo il nostro modello di business e dei nostri posti di lavoro industriali nella produzione e la produzione crescerà in lavori di servizio. "Il risultato che vediamo oggi nel nostro paese dopo oltre 30 anni di outsourcing, trasferimento di tecnologia e di "finanziarizzazione" della nostra economia, il nostro paese non è più in grado di svolgere la vita essenziale del lavoro i nostri cittadini.Le poche roccaforti industriali che erano riusciti a sopravvivere stanno cedendo il passo e non hanno altra scelta, ma di trasferirsi a trasformare la loro produzione.Un fatto semplice: anche nelle più riuscite e più rapida crescita imprese industriali, i risultati sono, nel migliore dei casi, i profitti dell'ordine del 3-4% del fatturato. Nel settore finanziario, questi benefici sono moltiplicati per 5, vedere 10, con molto meno fatica e rischio. Le banche sono gradualmente trasformati in intermediari del mercato azionario. Pensateci: non prendere alcun rischio, questo non è il loro denaro. Hanno appena pagare una commissione per acquistare e vendere le azioni e questo dà loro abbastanza profitto in modo che non c'è bisogno di andare a dare rischi di finanziamento delle imprese in generale e dell'industria particolare.Veniamo al cuore del problema. Per riavviare la crescita, è necessario che le imprese hanno ordini. In passato, abbiamo colto l'occasione per lanciare un politico "grande opera", finanziato con l'aumento (ragionevole) l'offerta di moneta. Questo ha permesso rivivere la macchina industriale. Beni strumentali (autostrade, porti, ferrovie, abitazioni, ecc.) Sono stati costruiti e tutti i lavori creati per le aziende dei settori interessati che hanno assunto lavoratori di cui avevano bisogno. Garantito un lavoro per un certo periodo, questi lavoratori potrebbero investire a sua volta e moltiplicare la creazione di posti di lavoro. La macchina ha cominciato a riprendersi, nuove imprese sono state emergendo, finanziato da "cittadini" banche.Purtroppo, questo principio di ripresa economica teorizzato da un economista britannico John Maynard Keynes, è considerato oggi dai sostenitori del liberalismo come abominevole.Pensateci, è di nuovo in sella stato! Basta pensarci, alcuni diventano isteriche!Ovviamente, per questo richiede uno Stato di decidere, vale a dire, uno stato sovrano.Sovranità, ancora una parola sporca, soprattutto se viene esercitata in termini monetari e di rappresentanti eletti ..Nella nostra situazione attuale, ridotta a followership "Bruxelles" e confinato la dottrina di austerità, possiamo solo aspettare e sperare per i più ottimisti. Formule come "dopo la pioggia venire brillare" sono solo promesse . Sono quelli che vogliono credere.Così crescita?Scomparso dai nostri schermi radar per quasi dieci anni, non sarà rinato per la potenza dello Spirito Santo. Prima che il cielo ci aiuti, dobbiamo cominciare dall'inizio. E l'inizio è: "fai da te"Per cominciare, prendiamo il controllo della nostra moneta. Senza questo passo preliminare, affronteremo il nostro futuro con le mani legate dietro la schiena, grazie ai mercati finanziari privati troppo felice di dover pagare noi, con tasso fisso da soli, siamo di più importante che abbiamo appena permettiamo la stragrande maggioranza di noi vive meno.È giunto il momento per noi di ricordare questa frase di Charles Lindbergh senior, consegnato presso lo stabilimento del Federal Reserve System degli Stati Uniti:"Questa legge istituisce il più gigantesco fiducia sulla terra. Quando il Presidente firmerà il disegno di legge, un governo invisibile, il potere invisibile del potere finanziario sarà legalizzata. Le persone non possono sapere subito ma il giorno della resa dei conti è solo pochi anni di distanza. I fondi si renderanno presto conto che sono andati troppo lontano anche per il loro bene. La gente dovrebbe fare una dichiarazione di indipendenza, al fine di sbarazzarsi del Monetary Authority. "  Allora cosa stiamo aspettando che scenda il Messia dal cielo e ci dica cosa fare o iniziare a riprenderci cio' che e' nostro di diritto? a voi l'aruda sentenza........................ ( trattato dall'intervista di Gilbert Collard Partito: Fronte Nazionale )

 

domenico marigliano

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Sondaggio

ti piace il mio sito metti un voto

si 306 97%
no 11 3%

Voti totali: 317